Rodolfo Peroni e alcuni dipendenti in posa in un interno con trofei sportivi